martedì 2 agosto 2011

News - Calciomercato


Tantò tuonò che piovve. Nonostante i comunicati ufficiali diramati dalla società gialloblù (riportiamo qui il link) la dirigenza degli A.S. Tronzi ha formulato la settimana scorsa richiesta ufficiale per acquisire in comproprietà con diritto di riscatto il cartellino del Maicon di Via Bocchella, Stefano Rognoni. A quanto ci risulta sapere la dirigenza ha confermato quanto precedentemente affermato: ossia un netto rifiuto alla trattativa. Purtroppo chi vive in questo rutilante mondo sa benissimo che in questi casi a prevalere è sempre la volontà del giocatore; e ancor più spesso quella del suo procuratore. I supporter gialloblù quindi rimangono col fiato sospeso per capire le volontà di Rognoni il quale, a onor del vero,  ha in una recente intervista affermato testualmente che lo Spartak “es mi casa!”….  Affermazioni di facciata o vera fedeltà…presto sapremo la risposta…

4 commenti:

Anonimo ha detto...

La frangia più calda del tifo organizzato ha già pronto uno slogan con cui tappezzare l'intera città:

"SENZA ROGNONONI....NON TI ABBONI"
(Un procuratore non può venderci il cuore!...la dirigenza ci pensi bene!)

Firmato:
I BASTARDI

I BASTARDI ha detto...

SENZA ROGNONI......NON TI ABBONI

COLLETTIVO SPARTAKINO ha detto...

UN PROCURATORE NON PUO' VENDERCI IL CUORE!

BRIGATA SPARTAKOLONGIA ha detto...

DIRIGENZA: SE VENDI ROGNONI....SON PRONTI I BASTONI!