Archivio Storico

DIVISE STORICHE

Le originali divise da giuoco indossate dai calciatori. La prima ufficiale bianca utilizzata alla nascita della società; quella storica gialloblù utilizzata nei tornei ufficiali. Una "chicca" poi quella del decennale. Si annoverano inoltre la primissima casacca verde in freschissima lanina pura utilizzata nel corso del primo torneo disputato a Torriglia nel 1992 ed un'altra a striscie orizzontali bianco e verdi utilizzata come seconda maglia nel torneo "M. Padua" del 1999











DOCUMENTI STORICI


In questa sezione abbiamo inserito una serie di documenti dal valore inestimabile, evidenzianti i rapporti tra i vari dirigenti del club di Via della Provvidenza. Si possono notare fra le altre le missive finalizzate a lanciare il cosidetto "guanto di sfida" o quelle supplichevoli per richiedere il posto in squadra. Vere perle sono una foto dell'epoca alterata "ad arte" ed uno stralcio di giornale con il resoconto di una partita


























GALLERY STORICA


Lo Spartak Torriglia era solito svolgere il ritiro estivo a Sarzana presso il centro “La Bradia”, struttura all’avanguardia dotata di ogni comfort. Sul campo in erba veniva svolta la preparazione tecnico tattica a cui di solito si abbinavano esercizi delle più diverse specialità per il miglioramento della coordinazione motoria (bocce, biliardo, ping pongn e cirulla su tutti). Il tutto con il fine ultimo di migliorare lo spirito di squadra (soprattutto nelle cene sociali in tavernetta) e la cosidetta “amalgama”

Nella prima foto vediamo Stagno, durante un allenamento, “andare via palla al piede” braccato da quattro compagni (si riconoscono distintamente Sammi Rognoni Ghersi e Mirandi). Nella seconda vediamo uno splendido gesto tecnico di Macrina con il malcapitato Ghersi a tentare un inutile parata. Ancora Macrina Ghersi e Mirandi ad inscenare un divertente balletto evidentemente per festeggiare un gol di pregevole fattura. Infine la fase di riposo e il “breakfast” intorno al tavolo sociale.























Di tutti i ritiri estivi forse quello del 1994 suscita i più numerosi ricordi. Innanzitutto perché fu un importante momento conviviale. I membri dello Spartak impegnati in quell'occasione assistettero infatti insieme alla finale della coppa del mondo tra Italia e Brasile terminata con la sconfitta ai rigori per gli azzurri; rimase celebre la frase di Macrina a fine partita che affermò con sicurezza: ”tranquilli raga tra quattro anni a Parigi alziamo la coppa!!”. Altro momento significativo riguardò un incontro amichevole sostenuto contro la Formazione di “Lorenzo e il Matto” (i più curiosi possono andarsi a vedere il risultato sugli archivi nella sezione più in basso) presso il centro Sportivo del Forte dei Marmi. Curiosità: durante l’ingresso in campo alcuni giocatori si accorsero che nella squadra del turno precedente c’era un biondino. Questo ragazzotto negli ultimi minuti di gioco sfoderò un controllo al volo, un sombrero per sistemarsi la palla ed infine un tiro al volo di sinistro da trenta metri che si andò ad insaccare nel sette. Ghersi esclamò con stupore: “però il biondo, gioca!!”. Il biondino in  questione era Andreas Brehme terzino destro dell’Inter e della nazionale tedesca appena eliminata dai mondiali Usa ’94. Inutile dire come questo incontro ispirò la truppa gialloblù che decise che da li per il resto del ritiro avrebbe svolto ogni azione anche la più complicata, con l’arto sinistro…. “IN ONORE DI BREHME” 



I REGISTRI

Altro pezzo di storia: gli originali registri su cui venivano annotate le rose ufficiali e gli incontri disputati. Tutti in versione downloadbile...


























LE PAGELLE

Crediamo di fare contenti molti nell'inserire gli stralci delle pagelle che venivano redatte dopo le grandi sfide. Qui troverete frasi storiche tipo "sarà un caso ma al suo ingresso..." oppure "a tratti confusionario a tratti ispirato...."... fiammate che accendevano le discussioni all'eurobar di via della provvidenza!!!